Contributi pubblici alle imprese: con CNA ed Ecipar agevolata la ricerca di finanziamenti per l’innovazione

Sta giungendo al termine la campagna di individuazione delle imprese interessate da processi di innovazione, di cui si era scritto nel numero estivo di Tempo d’Impresa.

Entro il 23 settembre gli Uffici CNA ed Ecipar accoglieranno le ultime prenotazioni di aziende che desiderano essere accompagnate nell’acquisizione di finanziamenti a supporto degli importanti investimenti economici pianificati. Per le imprese che sono impegnate nello sviluppo di nuovi prodotti, nuovi servizi o nuovi mercati, la Regione Emilia-Romagna co-finanzia le consulenze tecnologiche e di ricerca previste dai business plan relativi, attraverso contributi a fondo perduto concessi nella misura massima del 50% e minima del 35%, per progetti di valore compreso tra i 40.000 (20.000€ per industrie culturali e creative) e i 150.000€, attraverso il bando FESR “Progetti di innovazione e diversificazione di prodotto o servizio. Per le aziende che introducono innovazioni di ampio spettro nei propri processi produttivi e di servizio, il Fondo Interprofessionale Fondartigianato finanzia un numero di giornate di formazione in azienda adeguato al numero dei dipendenti in forza, con l’obiettivo di aumentare gli impatti degli investimenti previsti, attraverso l’adeguamento e miglioramento delle competenze degli addetti coinvolti.

Entrambi i bandi sono ora ufficiali e sono note le caratteristiche principali. Le aziende interessate possono rivolgersi agli esperti degli Uffici CNA ed Ecipar, per verificare se i loro progetti di sviluppo possono rientrare nelle opportunità previste dagli Enti finanziatori, che sono certamente ampie per Fondartigianato e più mirate nel FESR della Regione ER.

In dettaglio:

FONDARTIGIANATO – INVITO 2°-2016 – LINEA 6 – SOSTEGNO A PIANI AZIENDALI DI SVILUPPO

Ambiti di intervento
E’ finanziabile la formazione relativa a piani economici di investimento per innovazioni rilevanti e che modifichino i processi produttivi e/o lavorativi in essere, nei casi di:

  • introduzione di nuove tecniche di produzione;
  • introduzione di nuove tecnologie di processo e/o di prodotto;
  • digitalizzazione di processi di produzione e/o di servizio;
  • messa in produzione di nuovi prodotti per il mercato interno e/o per mercati internazionali;
  • realizzazione di ricerche e sperimentazioni scientifiche per l’acquisizione o la sperimentazione di nuovi brevetti;
  • riorganizzazione dei processi produttivi e/o di fornitura dei servizi, anche solo mirata al consolidamento della posizione economica dell’impresa;
  • ricerca di nuovi mercati, anche con caratteristiche di selettività della domanda per rafforzare e moltiplicare le posizioni “di nicchia”.

La realizzazione del Piano Aziendale di Sviluppo – P.A.S., avviato al massimo 6 mesi prima della chiusura dello sportello, dovrà concludersi entro i 18 mesi successivi la data della sua approvazione.

A tale termine dovrà conseguentemente attenersi la durata dei Progetti Operativi.

Beneficiari

Dipendenti di aziende aderenti a Fondartigianato.

Scadenze

Dal 15 settembre, entro il 14 ottobre 2016.

Tipologia dell’intervento

Finanziamento di formatori esperti in azienda

“PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO”, BANDO IN ATTUAZIONE DELL’AZIONE 1.1.2 ASSE 1 DEL FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020

Interventi ammessi

I progetti devono prevedere almeno una delle seguenti azioni:

  • ampliamento della gamma dei prodotti e/o servizi o la loro significativa ridefinizione tecnologica e funzionale in senso innovativo;
  • introduzione di contenuti e processi digitali e di innovazione di servizio in grado di modificare il rapporto con clienti e stakeholder;
  • ricaratterizzazione dei prodotti e dei servizi in senso fortemente sostenibile e in favore della inclusione e della qualità di vita.

Sono ammesse a contributo unicamente consulenze a contenuto tecnologico.

Beneficiari

Aziende PMI, in particolare società di capitali, società di persone - escluse le società semplici, società cooperative di produzione e lavoro, società consortili nella forma di società di capitale.

Scadenze

Dal 1 settembre, entro il 14 ottobre 2016.

Tipologia dell’intervento

Concessione di agevolazioni a FONDO PERDUTO dal 35% al 45% sulle SPESE RITENUTE AMMISSIBILI, con possibilità di aumentare del 5% in caso di assunzione di personale.

Spese ammissibili

Acquisto di servizi innovativi, quali:

  • consulenze tecnologiche e di ricerca;
  • studi, licenze e brevetti;
  • prove sperimentali, misure, calcolo, certificazioni di prodotto;
  • progettazione software e componentistica digitale;
  • design di prodotto/servizio e concept design;
  • progettazione multimediale;
  • progettazione impianti pilota;
  • prototipazione e stampa 3D;
  • management temporaneo per l’innovazione.

Almeno il 50% delle spese dovrà riguardare l’intervento di:

  • Laboratori e centri per l’innovazione appartenenti alla Rete Regionale dell’Alta Tecnologia, tra cui è inserita CNA INNOVAZIONE ER;
  • Università e altre istituzioni di rango universitario anche del campo artistico, Enti pubblici di ricerca, Organismi di ricerca;
  • Start-up innovative, registrate alla data di pubblicazione del bando;
  • FabLabs aderenti alla FabFoundation o altri FabLab che abbiano comunque sottoscritto la Fab Charter.

Perché CNA