"Mi racconto attraverso le immagini": un laboratorio sperimentale per le donne imprenditrici che le aiuti a raccontarsi grazie al potere delle immagini. Mercoledì 18 maggio la presentazione.

CNA Impresa Donna, in collaborazione con CNA Comunicazione, propone un progetto volto alla valorizzazione dell'imprenditrice artigiana attraverso una forma artistica di rappresentazione.

L’obiettivo del progetto denominato “mi racconto attraverso le immagini” è identificare i caratteri distintivi di genere e le competenze delle imprenditrici CNA, offrendo loro la possibilità di partecipare ad un percorso, che si propone di valorizzare il lato autentico della donna imprenditrice che, con la fotografia, impara a raccontarsi attraverso le immagini.

Il progetto sarà presentato alle imprenditrici mercoledì 18 maggio alle ore 17.00 presso la sede provinciale CNA di Ravenna in viale Randi 90.

È un “laboratorio sperimentale” in cui le partecipanti, guidate da esperte, produrranno  scatti/autoscatti/autoritratti avendo cura di valorizzare le tipicità dei diversi mestieri. In pratica quella peculiarità tutta femminile di trasferire valori profondamente umani anche nel serio esercizio della professione.

Il progetto  verrà realizzato con l’ausilio di due professioniste:

·           Silvia Bigi artista visiva di Lilith Studio Gallery. Nel percorso aiuta a fare affiorare la propria voce fotografica e a osservare le immagini con un nuovo sguardo.

·           Elisa Cecchi  kinesiologa di Molecole Centro Olistico. Durante il laboratorio segue le partecipanti guidandole attraverso le emozioni e le sensazioni che emergono.

Il lavoro delle due relatrici si propone di ripensare il ruolo della donna nel mondo del lavoro, partendo dalla maniera in cui viene rappresentata. In questo percorso accompagneranno le donne imprenditrici in un viaggio che le vedrà trasformarsi da distratte consumatrici di immagini e passivi soggetti delle fotografie, ad attive creatrici della propria rappresentazione.

“Il nostro mondo, oggi, è trasmesso in prevalenza attraverso la comunicazione visiva, dalla sfera lavorativa a ogni istante della vita privata.” spiegano le relatrici, “Il codice visivo è fatto di simboli, velate allusioni e messaggi subliminali che influenzano e modificano la nostra maniera di vedere la realtà e le nostre scelte. È stato dimostrato che il cervello è sessantamila volte più veloce nell’elaborare un’immagine rispetto a un testo scritto.”

“ Se una volta erano in pochi a contribuire alla comunicazione visiva, oggi siamo tutti costruttori di immagini. Ognuno ha una fotocamera nel cellulare e la possibilità di condividere immediatamente i suoi scatti attraverso i social network. Questo implica una personale responsabilità in quanto nodo della rete che ci connette l’uno all’altro, dove anche il più piccolo cambiamento genera un’eco per tutta la comunità”.

Il 18 maggio si terrà la presentazione dell’iniziativa; successivamente saranno organizzate, in base al numero di adesioni, due giornate di laboratorio pratico con le due relatrici e un incontro conclusivo per la scelta e l’editing delle immagini prodotte. Seguirà un evento espositivo in ambito CNA.

Il numero massimo di partecipanti al laboratorio è 15. Per questa prima edizione è previsto un contributo a carico di ogni partecipante di soli EURO 70 + IVA.

 

Per partecipare alla serata di presentazione, vi preghiamo di compilare la scheda di iscrizione allegata.

Per ogni ulteriore informazione e approfondimenti potrete rivolgervi a dolei@ecipar.ra.it

Perché CNA