Turismo: l’importanza delle reti di imprese per un sistema che coinvolga tutte le attività del territorio. L’approfondimento nell’iniziativa promossa dalla CNA Romagna Faentina il 31 maggio a Riolo Terme

L’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, sarà ospite dell’iniziativa promossa dalla CNA della Romagna faentina sul tema “Una rete di imprese per lo sviluppo turistico del territorio nell’area collinare” che si terrà martedì 31 maggio, alle ore 20, presso l’agriturismo “La Querciola” a Riolo Terme in via Campolasso 4. Le conclusioni saranno affidate al direttore della CNA Massimo Mazzavillani.

Da tempo la CNA è impegnata sul tema del turismo. Si tratta, infatti, di un comparto importante per tutta l’economia del nostro Paese e, in particolare, per la nostra provincia. Un turismo che non va letto nella sola ottica dell’accoglienza ricettiva ma dello sviluppo di una intera rete di servizi rivolta a cittadini e visitatori. Un turismo inteso come capacità di promuovere un’offerta integrata del territorio per valorizzare le eccellenze ambientali e le qualità dei prodotti tipici delle attività legate all’artigianato: pensiamo, ad esempio, alla ceramica per Faenza e al mosaico per Ravenna.

Quando parliamo di imprese in rete pensiamo a un territorio differenziato, organizzato e comunicato, un territorio DOC, capace di conoscersi e integrarsi per promuovere un’offerta di servizi, determinando così un beneficio per l’intero tessuto economico.

“Durante la nostra iniziativa – sottolinea il presidente CNA della Romagna faentina, Gian Piero Zama – daremo voce a operatori del territorio che guardano con favore al progetto e che vogliono confrontarsi. Un’attenzione particolare va riservata all’unificazione delle società di promozione del territorio Terre di Faenza e Stai di Imola, un nuovo soggetto vedrà l’importante partecipazione del Con.Ami di Imola, oltre al coinvolgimento diretto di imprese che hanno creduto nel percorso proposto per la costituzione della nuova società”.

“È questa - precisa Zama - un’occasione per organizzare al meglio le collaborazioni fra due territori confinanti, simili per molti aspetti ma ricchi di tutte quelle peculiarità distintive che riescono a completare un’offerta in grado di attrarre nuovi visitatori.

Non pensiamo, ovviamente, ai grandi numeri, ma a un’opportunità economica che va colta per rafforzare un’offerta già presente e in grado di distribuire valore a tutta l’economia”.

“L’iniziativa – conclude Zama – si terrà presso l’agriturismo “La Querciola”, posto sulla prima collina riolese, con una terrazza panoramica che contribuisce a dare il senso della qualità del nostro territorio e dove si comprende appieno il significato del progetto “Star bene in Romagna” che abbiamo avviato lo scorso anno e che, anche quest’anno, vogliamo rinnovare, proponendo nuovi appuntamenti che coinvolgeranno agriturismi, aziende di produzione agroalimentare oltre a luoghi di accoglienza e di valore ambientale”.

Perché CNA