Consorzio Faentino Utenti Gas Tecnici, inaugurata la nuova sede

Una storia lunga 40 anni quella del Consorzio Faentino Utenti Gas Tecnici, un’esperienza unica nel panorama dei consorzi di imprese. Una storia nata a Faenza per iniziativa di un gruppo di artigiani che si pose l’obiettivo di accedere all’acquisto dei gas tecnici, non dovendo assoggettarsi ai costi che le Compagnie imponevano alle imprese artigiane. Un modo per costruire, nei fatti, una rete fra imprese che si è affermata e che oggi conta oltre 570 soci con sede prevalentemente nel territorio della nostra provincia oltre che nell’imolese.

“Abbiamo fatto un investimento importante – sottolinea Gian Piero Zama, presidente del Consorzio -acquistando un capannone che risaliva alla metà degli anni ‘70 e che, nell’arco di un anno dalla data di acquisto, abbiamo ristrutturato e attrezzato trasferendovi la nuova sede”.

“Siamo intervenuti sull’edificio anche per un miglioramento energetico – prosegue Zama - adeguando la struttura alle esigenze operative del Consorzio: oltre agli uffici e al magazzino è stata allestita un’area esterna per il  deposito delle bombole al fine di migliorare il servizio ai soci. Un intervento complessivo di oltre 850.000 euro che si sviluppa su una superficie di oltre 2.600 mq.

“Abbiamo voluto fare della giornata inaugurale – aggiunge il Presidente - anche un’occasione per sottolineare la necessità di snellire le pratiche burocratiche, per consentire l’esecuzione degli interventi in tempi più  rapidi, portando ad esempio quanto è stato possibile fare nell’intervento di riqualificazione della nuova sede del Consorzio: dall’acquisto del capannone all’inaugurazione è trascorso appena un anno, nel corso del quale si è passati dalla redazione del progetto, alla sua approvazione, per poi avviare l’esecuzione dei lavori a cui hanno partecipato imprese del territorio e, successivamente, al trasferimento nella nuova sede. Un anno intenso che ha visto impegnato tutto il Consiglio di Amministrazione, assieme al progettista, ai dipendenti e alle imprese esecutrici, per raggiungere in tempi rapidi l’obiettivo che ci eravamo posti”.

“E abbiamo voluto dimostrare – continua ancora Zama – che, volendo, si può fare e che occorre anche da parte della Pubblica Amministrazione una accelerazione verso la semplificazione e l’attenzione alle  problematiche delle imprese. Considerazioni che abbiamo riportato al Sindaco di Faenza, presente all’inaugurazione, e riprese anche dal consigliere regionale Mirco Bagnari, nel suo intervento di saluto”.

“La giornata – conclude Zama – è stata inoltre l’occasione per ritrovare i soci fondatori ancora in attività, che abbiamo premiato assieme alle imprese socie del Consorzio da oltre 35 anni, insieme ai Presidenti che si sono succeduti e ai quali va il nostro ringraziamento per la gestione dell’attività che ha permesso al Consorzio di crescere e svilupparsi fino ad essere un punto di riferimento per le centinaia di imprese che vi aderiscono”.
 

Perché CNA