Esecutivo UNATRAS del 27 giugno 2017: il punto sulla vertenza con il Governo

Il 27 giugno si è riunito l’Esecutivo UNATRAS per valutare le risposte fornite dal Governo sui principali nodi dell’autotrasporto così come evidenziati dalle Associazioni di categoria.
In quest’occasione, l’esecutivo ha preso l’impegno di ribadire al MIT la volontà di voler raggiungere alcuni obiettivi:

  • Deduzioni forfetarie: ad oggi non è ancora uscito il comunicato dell’Agenzia delle Entrate che ufficializza l’importo da utilizzare per le prossime dichiarazione dei redditi. L’Esecutivo UNATRAS ha deciso di fare urgente pressione per accelerare i tempi dell’intervento.
  • Valori di riferimento: è stata istituita una commissione tecnica il cui obiettivo sarà individuare nuovi valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio dell’impresa di autotrasporto. 
  • Tempi di pagamento: un altro degli obiettivi dell’Esecutivo è l’introduzione di una concreta ed efficiente normativa sul rispetto dei tempi di pagamento
  • Pacchetto mobilità” (‘Europe on the Move’): Respingere ogni forma di liberalizzazione del “cabotaggio” stradale di merci sino a quando non si introducono regole comuni tra tutti i Paesi dell’UE. Tale possibilità è contemplata nel “Pacchetto mobilità” contenente le Proposte di modifica alla normativa vigente formulate dalla Commissione europea e sulle quali il MIT ha convocato uno specifico incontro per il giorno 4 Luglio.
  • Revisioni: nel prendere atto del persistere di gravi situazioni di sottorganico, come quelle denunciate dalla Sardegna, l’UNATRAS intende ulteriormente sensibilizzare il Governo per intervenire sulla materia con i provvedimenti sui quali si era impegnata l’allora Sottosegretario Vicari: assunzioni ed esternalizzazione delle revisioni dei veicoli pesanti ai privati.

In allegato la comunicazione integrale e la scheda riassuntiva della vertenza con il Governo

Perché CNA