L’innovazione del turismo in Emilia-Romagna. Il 24 novembre prossimo un incontro regionale su travelling trends, reti, proposte, leggi e incentivi

In vista dell’implementazione reale e concreta della nuova Legge Regionale sul turismo, aumentano le iniziative, i focus, gli incontri nelle varie città romagnole pensati appunto sui temi turistici.

Come CNA siamo sempre protagonisti di questi in contri e, in tutte le occasioni, ci vediamo costretti a ribadire la necessità di lavorare su destinazioni più ampie, fuori dai singoli confini comunali: pensando al territorio come è visto dal turista, non dalla linea di confine comunale.

Anche per questo, a livello regionale, abbiamo messo in campo un’iniziativa importante, il 24 novembre prossimo alla Galleria Ferrari di Modena che, oltre a definire gli ambiti del nostro lavoro associativo – la centralità del territorio, i servizi turistici, il ricettivo relazionale, il multiprodotto - renderà pubblici i risultati di una ricerca che abbiamo recen- temente commissionato. Il tema della ricerca è: “Millennials Travelling Trends Emilia-Romagna”. Parliamo, in sostanza, di un nuovo modo di progettare un turismo non solo stagionale per le nostre destinazioni.

Tutti sanno che la domanda turistica corre veloce, è in continuo mutamento. Per cercare di stare al passo con i tempi, l’offerta deve rispondere a gusti e richieste di viaggiatori nuovi, sempre più informati, tecnologici ed esigenti. Pochi però analizzano i bisogni turistici partendo da questo; noi crediamo, in questo modo, di fare un lavoro utile entrando finalmente nel merito delle esigenze di questi nuovi turisti. L’Emilia-Romagna è una delle Regioni che da sempre sostiene di avere un’offerta ricca, varia e attenta al consumatore: ma quanto riesce a soddisfare le esigenze dei Millennials?

Lo chiederemo ai giovani di tutta Europa nati tra la fine degli anni ’70 e la metà degli anni ’90 per cercare di capire quanto oggi siamo competitivi e quanto c’è da cambiare. Il nostro scopo è capire se i Millennials italiani e stranieri conoscono le destinazioni e gli attrattori turistici della regione; sapere cosa vorrebbero scoprire e cosa si aspettano da una vacanza nel territorio e ricevere spunti, idee e suggerimenti per articolare al meglio una proposta che soddisfi a pieno le loro esigenze tutto l’anno.

Sarà poi interessante verificare, anche sul livello romagnolo, le attese e le differenze di questa parte di potenziali turisti che – sia chiaro – non parlano solo al futuro… ma sono già il presente!

Perché CNA